1) La segreteria è aperta tutti i giovedì dalle ore 17,00 alle ore 19,00
   Viale Belforte, 178 (Ex Calzaturificio di Varese) – VARESE
   TEL: 0332 282856
   FAX :0332 282856
   E-MAIL: tsrmvarese@libero.it
   PEC: varese@pec.tsrm.org
   SITO: www.tsrmpstrpvarese.it

2) L’iscrizione deve essere effettuata mediante l’accesso alla piattaforma di iscrizione web al seguente link:

Accedi alla piattaforma

3) In fase di pre-iscrizione viene richiesto il pagamento di € 35,00 per diritti di segreteria che dovranno essere versati seguendo le indicazioni della piattaforma al termine della prima fase della procedura.

4) Al termine della procedura di verifica della documentazione allegata alla domanda il professionista riceve una comunicazione di accoglimento e solo dopo potrà rientrare nella sua area priva e procedere allegando copia del versamento di € 168,00 sul c/c N. 8003 intestato a: AGENZIE DELLE ENTRATE- CENTRO OPERATIVO DI PESCARA – Tasse Concessioni Governative, Causale: Iscrizione all’ Ordine Professionale T.S.R.M.P.S.T.R.P. di Varese. È una tassa che si paga allo Stato e non all’ Ordine, è fissa per ogni professionista e si paga una volta sola. (Il bollettino di c.c.p. precompilato può essere ritirato, prima della presentazione dei documenti, presso gli uffici di segreteria dell’ Ordine o ritirato presso uno degli uffici postali e risulta già parzialmente compilato).

5) Il Consiglio Direttivo, al quale viene trasmessa per competenza la domanda, poi, la prende in carico, ne valuta i contenuti e, se tutto è conforme a quanto disposto dalla legislazione, ne delibera l’iscrizione con relativo numero di iscrizione e data di attuazione. La piattaforma, successivamente, provvede all’invio al professionista della comunicazione relativa all’iscrizione.

6) A fondo pagina è possibile visualizzare e scaricare un tutorial completo della procedura di iscrizione in formato PDF.

7) Durante la procedura di iscrizione verrà chiesto di esprimere l’intenzione di aderire o meno alla polizza assicurativa collettiva stipulata tra la Federazione Nazionale Ordini TSRMPSTRP e Italiana Assicurazioni.

In caso di adesione ad ogni iscritto verrà chiesto di scegliere tra due possibili formule:

  • Massimale pari a € 2.000.000, per un premio lordo annuo pari a € 30
  • Massimale pari a € 5.000.000, per un premio lordo annuo pari a € 34

8) I Professionisti rientranti in una delle categorie sotto elencate

  • Inoccupati
  • Disoccupati
  • Pensionati
  • Lavoratori all’estero

potranno essere iscritti nell’apposito elenco speciali istituito presso l’ Ordine, solo ed esclusivamente a seguito di presentazione della “Dichiarazione sostitutiva di certificazione”  inviata all’ Ordine di appartenenza esclusivamente tramite PEC oppure con Raccomandata AR o consegnata a mano, entro e non oltre il 20 NOVEMBRE di ogni anno.

9) Analogamente, se un Professionista appartenente a una delle categorie sopra riportate volesse beneficiare della polizza assicurativa dovrà comunicarlo con lo stesso mezzo. Si precisa che in quest’ultimo caso la polizza sarà valida a partire dalla data di comunicazione pervenuta a mezzo PEC.

10)  Per gli anni successivi entro il mese di Gennaio la piattaforma di iscrizioni web invierà all’indirizzo mail specificato in sede di iscrizione un avviso di pagamento, che andrà effettuato entro la data di scadenza indicata nello stesso onde evitare il pagamento di ulteriori tasse.

Il professionista può richiedere il rilascio della certificazione d’iscrizione.

Per il rilascio di atti e provvedimenti da parte dell’Ordine (Certificato di iscrizione incluso) bisogna far riferimento alla normativa che disciplina il rilascio di tale documento da parte della pubblica amministrazione la quale recita nell’Art. 4 comma 1, della tariffa – Parte Prima- Allegato A del DPR 642/72 e successive modificazioni ed integrazioni relativo alla “Disciplina dell’imposta di bollo” prevede, con riferimento agli enti pubblici, che tutti gli atti e i provvedimenti inerenti alla tenuta di pubblici registri rilasciati anche in estratto o in copia dichiarata conforme all’originale siano soggetti ad imposta di bollo (attualmente di Euro 16,00).

In assenza, quindi, di una puntuale norma di esenzione, le istanze formulate ad un ente pubblico, tendenti ad ottenere l’emanazione di un provvedimento amministrativo o il rilascio di certificati, estratti, copie e simili sono da assoggettare all’imposta di bollo, secondo le prescrizioni recate dal richiamato art. 3 della Tariffa”.

Per il rilascio di tale documento, quindi, il professionista deve presentare domanda in bollo e il conseguente rilascio della certificazione deve essere in bollo. Tutto questo se il certificato deve essere presentato a un ente privato.

Se, invece, dovesse essere presentato alla pubblica amministrazione bisogna far riferimento all’art. 40 DPR 28/12/2000, n. 455 il quale stabilisce che a partire dal 1° gennaio 2012 il certificato rilasciato dalla pubblica amministrazione non può essere prodotto agli organi della pubblica amministrazione o ai privati gestori di pubblici esercizi e quindi, in questo caso basta l’autocertificazione, sarà poi, la stessa pubblica amministrazione ad accertare la veridicità dell’autocertificazione.

Pertanto, se si è nella necessità di presentare il documento richiesto a una amministrazione privata si può passare negli uffici di segreteria negli orari di apertura portando due marche da bollo da 16,00 euro, oppure farci avere, anche a mezzo posta prioritaria, le due marche da bollo e € 6,00 (sei) in francobolli, per la restituzione con raccomandata, in uno al modello di domanda scaricabile dal sito e alla fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità.

E’ opportuno anticipare la richiesta con mail prima di passare in ufficio.

11) Per gli anni successivi entro il mese di Gennaio la piattaforma invierà all’indirizzo mail specificato in sede di iscrizione un avviso di pagamento, che andrà effettuato entro la data di scadenza indicata nello stesso onde evitare il pagamento di ulteriori tasse.

INTEGRAZIONE PER TRASPARENZA:

Ogni Ordine ha deliberato una quota di iscrizione differente. L’ Ordine Provinciale di VARESE ha deliberato la quota di € 97,50 così composta:

  • 10 € circa vanno ad ammortizzare il circuito MAV;
  • il 40% circa è la quota spettante alla Federazione Nazionale;
  • la restante parte per gestione e mantenimento dell’ Ordine TSRM-PSTRP di VARESE (affitto, telefono, riscaldamento, spese condominiali, personale d’ufficio, Commissioni d’ Albo, consulenze, organizzazione convegni, partecipazioni attività coordinamento regionale, attività federazione nazionale, gruppi di lavoro, rimborsi spese, etc..).

Si ricorda che ogni professionista può iscriversi all’Ordine della provincia in cui risiede o a quello della provincia in cui svolge la sua attività.

Inoltre, si comunica che, nel caso non venga pagata la tassa annuale, la riscossione avviene ad opera dell’Agenzia delle Entrate mediante pignoramento. Tutto questo avviene automaticamente mediante una piattaforma web dedicata.
Tale procedura non è gestita dall’Ordine Provinciale.

Tutorial Procedura di Iscrizione